16.9.16

liquid architectue - /العمارة السائلة/ architettura liquida* روابط

صفحة تحت الاعداد

Qui abbiamo due linee di pensiero che possono essere  interconnessi. In primo luogo, dobbiamo osservare che tutta la nostra concezione della forma è stata invertita. Forma fisica, forma biologica, la matematica della forma, come appare l'ordine , come appare la stabilità , ora tutti questi sono stati strutturati nel tempo, dove la forma è diventato parte del tempo. La geometria frattale, ordine sull'orlo del caos, auto-organizzazione, teoria delle catastrofi, infine, i concetti della geometria sono apparsi in cui il tempo stesso è diventato essenziale, in cui l'incidente è diventato sostanziale, dove la forma e l'ordine sono diventate modello, interferenza, l'iterazione, ritmo, qualcosa creato nel tempo, e solo per essere compreso nel tempo. In secondo luogo - come e' stato citato spesso da Virilio tornare all'incidente - la media come il continuo incidente dell'architettura. Naturalmente, questa dicotomia è onnipresente in teoria, e io mi oppongo con forza. Non vedo assolutamente la media come il lato oscuro dell'architettura. Perché? Perché mi piacerebbe proporre una visione architettonica dei mezzi di comunicazione, e viceversa. Prima di tutto, i media arrivano in onde, in maree, e occupano lo spazio come mezzo, come un campo, che è una sostanza molle attraverso cui gli eventi sono trasportati dalle onde, e diventano interconnessi a causa di interferenze, amplificazione e decadimento ... i media sono un modo di abitare il tempo per così dire, un movimento collegato con i nostri movimenti, qualcosa di molto più sensibile e reattivo di una architettura di cornici, cristalli e solidi che è solo in grado di restituire sempre le stesse risposte a un esperienza corporale. Credo che dovremmo tenere a mente che l'architettura è stata la prima macchina, il primo mezzo per collegare il comportamento e l'azione con tempo, e di metterle sotto la luce girevole del sole, ma ora, d'altra parte, non dobbiamo confondere la vecchia storia dell'architettura, la sua matematica euclidea con i suoi nuovi potenziali. Non riesco proprio a capire perché l'architettura, che è vecchia, dovrebbe rimanere vecchia.


=====

روبرت فنتوري صاحب المقولة الشهيرة "less is a bore" التي خالفت نظربة المعماري مس فان دي رو "less is more" التي تؤيد البساطة
,من أقواله : " أحب التعقيد والتناقض في العمارة. ولا أحب عدم الاتساق والعشوائية وعدم الكفاءة، أود أن أشير إلى عمارة معقدة ومتناقضة تعتمد على ثراء وغموض الخبرة الحديثة، بما في ذلك الخبرة المتعلقة بالفن.... أنا مع الفوضى المليئة بالحيوية وليس مع التركيبات الواضحة الروتينية. أنا مع الثراء أكثر من وضوح المعاني .... الأكثر لا يساوي الأقل>
--------
Relearning from Las Vegas



  •  COS’E’ IL VIRTUALE?  (Pierre Levy)
    http://www.conilfilodiarianna.it/home/?page_id=1712
  • Mixed Reality Architecture: Concept, Construction, Use
    http://discovery.ucl.ac.uk/1021/1/2003-schndelbach.pdf
  • Liquid Concepts: Liquid Architecture, the Philosophy of Gilles Deleuze and the Films of David Lynch
    http://discovery.ucl.ac.uk/1411343/
  • LIQUID ARCHITECTURES : MARCOS  NOVAK’S  TERRITORY  OF INFORMATION
    http://etd.lsu.edu/docs/available/etd-01202005-102411/unrestricted/Silva_thesis.pdf
    Novak ritiene che la struttura liquida dello spazio virtuale deriva dalle varie potenzialità di tutti i mondi possibili, dove ogni cosa e' relazionata con tutto , secondo le sue stesse parole.  La tecnologia è ciò che rende le possibilità della realtà- chesono sempre soggettive-  in qualche modo  stabili e strutturata. Tuttavia, questa struttura non è mai fisica. È coscienza strutturata , dove tutti i pensieri sono pensabili in qualsiasi momento, o in qualsiasi linea di principio, in qualsiasi condizione.  La struttura è variabile; è, ancora una volta, liquida   (P.32).
  • http://www.treccani.it/enciclopedia/teorie-dell-architettura_(XXI-Secolo)/
    come lo ‘spazio globale’ postmoderno o multinazionale, l’iperspazio della «grande rete comunicazionale […] nella quale – scrive Jameson – ci troviamo impigliati in quanto soggetti individuali» (1991; trad. it. 2007, p. 60). È questo perdersi nei recessi dell’universo, nelle reti globali complesse, come nell’angosciosa voragine dell’esistenza, a costituire un potente viatico al sublime nell’architettura contemporanea che privilegiando, nel superamento dell’esattezza e della chiusura della forma in sé stessa, la poetica dell’indistinto, del vago, dell’indefinito, dell’informe e dell’informale, evidenzia sempre l’impossibile distanziamento del soggetto implicato nella vertigine di un infinito dispiegarsi del mondo, sovrastato – scrive Antonino Terranova – «dall’Extra Large di dimensioni smisurate e figure sfigurate [che hanno] in comune il mettere alla prova la fisiologia dei nostri sensi sino ai limiti di estenuazione, di torsione, di allucinazione, di disturbo, di instabilità» (Mostri metropolitani, 2001, p. 20)

    في "الفضاء
    العالمي الما بعد حداثي أو متعدد الجنسيات، للشبكة الاتصالية الكبيرة [...] - يكتب جيمسون - نجد أنفسنا محشورين كذوات فردية." وهذا الضياع في أعماق الكون، في الشبكات العالمية المعقدة كما في قلق الوجود، لبناء قربان للمهيب بواسطة العمارة المعاصرة، التي للتغلب على الدقيق والمغلق من الاشكال، تفضل شاعرية المختلف والمبهم، والمشوهه والغير رسمي، يظهر دائما الابتعاد المستحيل للذات المشغولة في دوار لانهائية للكشف عن عالم مغلوب على امره
    نتيجة بحث الصور عن ‪escher museum‬‏

    ...M.C. Escher


     
  • Cyberspace, Primi passi nella raltà virtuale
    Io credo che il lungo percorso storico da una realtà universale, preletteraria, del fare "fisico", verso una realtà del "fare simbolico"
  •  Marturano, A. 2000, Etica dei media: regolare la società dell'informazione, milano: Angeli
    الغلاف الأمامي

    P.36

    per  Maldonado gli oggetti del ciberspazio sono rappresentazioni, e riprendendo l'operazionismo e temi di storia dell'arte, Madonaldo sostiene che e' importante sapere se vi e' una corrispondenza biunivoca totale tra una rappresentazione e la realtà rappresentata. più ragionevole e' cercare di stabilire se la rappresentazione funziona o meno. non di una generica realtà ma piuttosto della nostra percezione della realtà (madonaldo, 1992, P. 19). gli oggetto del ciberspazio,secondo Madonaldo, saranno in ultima analisi rappresentazioni di come noi vediamo la realtà delle utili finzioni, il cui punto importante non e' la fedeltà con gli oggetti rappresentati bensì l'efficacia operativa del ciberoggetto.
    e questo vale anche per la realtà virtuale, possiamo definire lo spazio in termini fenomenologici operazionali, possiamo dire come lo spazio ci appare e a cosa servono oggettivamente lo spazio ed i vari concetti di spazio. nel caso del ciberspazio dobbiamo accontentarci di cominciare con un metodo fenomenologico operazionale piuttosto che tentare di ottenere in laboratorio i fatti oggettivi delle corruzioni spazio-temporale infinitamente sottili della natura (benedikt 1991). allora lo spazio tempo della realtà virtuale in questo caso non sarà un fatto dato una volta per tutte, ma uno strumento che si piega agli scopi dell'uomo: il ciberspazio introdurrà una realtà virtuale come componente funzionale , il progetto del ciberspazio cosa e' se non il progetto di un altro mondo vivente, un universo parallelo (benedikt 91) dove possiamo realizzare cio che noi volgiamo violando a piacimento ogni legge

  • Parametricism and the Autopoiesis of Architecture
    http://www.unsquare.at/wp-content/uploads/2015/09/e_studioHadid_semanticFields_01.jpg
    Parametricism and the Autopoiesis of Architecture:



  • ...dal Bauhaus alla Rivoluzione Informatica
    L’utilizzo di forme dotate di variazioni progressive continue ha condotto erroneamente alcuni critici a ritenere che “architettura parametrica” fosse sinonimo di un nuovo espressionismo e di formalismo quando la sua reale vocazione è di stampo logico-funzionalista, come dimostrano gli stessi metodi generativi strettamente logico-matematici che nella maggior parte dei casi riguardano la risoluzione simultanea di complessi rapporti delle componenti sia strutturali, sia bioclimatiche, costruttive, impiantistiche, ecc
    استخدام أشكال ذات اختلاف تدريجي مستمر أدى إلى الاعتقاد بأن العمارة البارامتروية  تكمن في تعبيرية شكلية  جديدة ، ولكن هذا الاعتقاد ينبع من  جهل لأنها ذات  قالب منطقي-وظيفي، كما يتضح من نفس الأساليب التوليدية المرتبطة بالمنطق-الرياضي الذي في معظم الحالات يتناول حلول متزامنة  لعلاقات معقدة بين عناصر هيكلية، وبيئية وبنائية وصناعية ، الخ.
    3ds max model                                                       … …:
    https://www.pinterest.com/pin/393572454919322263/
----------------
Come possiamo davvero vivere se non vi è più il qui e se tutto è adess? Come possiamo sopravvivere l’istantanea telescopica realtà che è diventata onnipresente, rompendo in due ordini il tempo , troviamo che ciascuno e' reale come l'altro: quella della presenza qui ed ora, e quella di un telepresenza a distanza, oltre l'orizzonte delle apparizioni tangibili?

    Come possiamo gestire razionalmente la scissione, non solo tra le realtà virtuali e reali, ma, più precisamente, tra l'orizzonte apparente e l'orizzonte transapparent di uno schermo che apre per noi improvvisamente una sorta di finestra temporale  per interagire altrove, e spesso molto lontano?

    A meno che, come Marvin Minsky, neghiamo l'importanza di ottica "Analogue" e così dell'orizzonte delle apparenze, ora dobbiamo assolutamente mettere in discussione la natura stereoscopica non solo della rlievo delle apparenze' e della terza dimensione dello spazio, ma soprattutto tutto della quarta dimensione, il rilievo temporale ha portato in questo periodo dalla scissione tra le vicinanze spaziali e temporali, il rilievo  di un futuro mondo sovraesposto  all'amplificazione optoelettronici della sua profondità di campo.
Open sky/ Paul Virilio:
Open sky/ Paul Virilio

14.9.16

روابط متفرقة



Martin Heidegger
LA QUESTIONE DELLA TECNICA/ p.21

  • Leach, Rethinking  Architecture
    https://drive.google.com/file/d/0B-97q_t5VtCrcXlaaFNYZnJaTTQ/view?usp=sharing
    ‪"Leach", Rethinking  Architecture‬‏:
    PDF




الفضاء حركة جسدية، والعمارة هي محاولة عقلية لتلبيس تلك الحركة