16.9.16

liquid architectue - /العمارة السائلة/ architettura liquida* روابط

صفحة تحت الاعداد

Qui abbiamo due linee di pensiero che possono essere  interconnessi. In primo luogo, dobbiamo osservare che tutta la nostra concezione della forma è stata invertita. Forma fisica, forma biologica, la matematica della forma, come appare l'ordine , come appare la stabilità , ora tutti questi sono stati strutturati nel tempo, dove la forma è diventato parte del tempo. La geometria frattale, ordine sull'orlo del caos, auto-organizzazione, teoria delle catastrofi, infine, i concetti della geometria sono apparsi in cui il tempo stesso è diventato essenziale, in cui l'incidente è diventato sostanziale, dove la forma e l'ordine sono diventate modello, interferenza, l'iterazione, ritmo, qualcosa creato nel tempo, e solo per essere compreso nel tempo. In secondo luogo - come e' stato citato spesso da Virilio tornare all'incidente - la media come il continuo incidente dell'architettura. Naturalmente, questa dicotomia è onnipresente in teoria, e io mi oppongo con forza. Non vedo assolutamente la media come il lato oscuro dell'architettura. Perché? Perché mi piacerebbe proporre una visione architettonica dei mezzi di comunicazione, e viceversa. Prima di tutto, i media arrivano in onde, in maree, e occupano lo spazio come mezzo, come un campo, che è una sostanza molle attraverso cui gli eventi sono trasportati dalle onde, e diventano interconnessi a causa di interferenze, amplificazione e decadimento ... i media sono un modo di abitare il tempo per così dire, un movimento collegato con i nostri movimenti, qualcosa di molto più sensibile e reattivo di una architettura di cornici, cristalli e solidi che è solo in grado di restituire sempre le stesse risposte a un esperienza corporale. Credo che dovremmo tenere a mente che l'architettura è stata la prima macchina, il primo mezzo per collegare il comportamento e l'azione con tempo, e di metterle sotto la luce girevole del sole, ma ora, d'altra parte, non dobbiamo confondere la vecchia storia dell'architettura, la sua matematica euclidea con i suoi nuovi potenziali. Non riesco proprio a capire perché l'architettura, che è vecchia, dovrebbe rimanere vecchia.


=====

روبرت فنتوري صاحب المقولة الشهيرة "less is a bore" التي خالفت نظربة المعماري مس فان دي رو "less is more" التي تؤيد البساطة
,من أقواله : " أحب التعقيد والتناقض في العمارة. ولا أحب عدم الاتساق والعشوائية وعدم الكفاءة، أود أن أشير إلى عمارة معقدة ومتناقضة تعتمد على ثراء وغموض الخبرة الحديثة، بما في ذلك الخبرة المتعلقة بالفن.... أنا مع الفوضى المليئة بالحيوية وليس مع التركيبات الواضحة الروتينية. أنا مع الثراء أكثر من وضوح المعاني .... الأكثر لا يساوي الأقل>
--------
Relearning from Las Vegas



  •  COS’E’ IL VIRTUALE?  (Pierre Levy)
    http://www.conilfilodiarianna.it/home/?page_id=1712
  • Mixed Reality Architecture: Concept, Construction, Use
    http://discovery.ucl.ac.uk/1021/1/2003-schndelbach.pdf
  • Liquid Concepts: Liquid Architecture, the Philosophy of Gilles Deleuze and the Films of David Lynch
    http://discovery.ucl.ac.uk/1411343/
  • LIQUID ARCHITECTURES : MARCOS  NOVAK’S  TERRITORY  OF INFORMATION
    http://etd.lsu.edu/docs/available/etd-01202005-102411/unrestricted/Silva_thesis.pdf
    Novak ritiene che la struttura liquida dello spazio virtuale deriva dalle varie potenzialità di tutti i mondi possibili, dove ogni cosa e' relazionata con tutto , secondo le sue stesse parole.  La tecnologia è ciò che rende le possibilità della realtà- chesono sempre soggettive-  in qualche modo  stabili e strutturata. Tuttavia, questa struttura non è mai fisica. È coscienza strutturata , dove tutti i pensieri sono pensabili in qualsiasi momento, o in qualsiasi linea di principio, in qualsiasi condizione.  La struttura è variabile; è, ancora una volta, liquida   (P.32).
  • http://www.treccani.it/enciclopedia/teorie-dell-architettura_(XXI-Secolo)/
    come lo ‘spazio globale’ postmoderno o multinazionale, l’iperspazio della «grande rete comunicazionale […] nella quale – scrive Jameson – ci troviamo impigliati in quanto soggetti individuali» (1991; trad. it. 2007, p. 60). È questo perdersi nei recessi dell’universo, nelle reti globali complesse, come nell’angosciosa voragine dell’esistenza, a costituire un potente viatico al sublime nell’architettura contemporanea che privilegiando, nel superamento dell’esattezza e della chiusura della forma in sé stessa, la poetica dell’indistinto, del vago, dell’indefinito, dell’informe e dell’informale, evidenzia sempre l’impossibile distanziamento del soggetto implicato nella vertigine di un infinito dispiegarsi del mondo, sovrastato – scrive Antonino Terranova – «dall’Extra Large di dimensioni smisurate e figure sfigurate [che hanno] in comune il mettere alla prova la fisiologia dei nostri sensi sino ai limiti di estenuazione, di torsione, di allucinazione, di disturbo, di instabilità» (Mostri metropolitani, 2001, p. 20)

    في "الفضاء
    العالمي الما بعد حداثي أو متعدد الجنسيات، للشبكة الاتصالية الكبيرة [...] - يكتب جيمسون - نجد أنفسنا محشورين كذوات فردية." وهذا الضياع في أعماق الكون، في الشبكات العالمية المعقدة كما في قلق الوجود، لبناء قربان للمهيب بواسطة العمارة المعاصرة، التي للتغلب على الدقيق والمغلق من الاشكال، تفضل شاعرية المختلف والمبهم، والمشوهه والغير رسمي، يظهر دائما الابتعاد المستحيل للذات المشغولة في دوار لانهائية للكشف عن عالم مغلوب على امره
    نتيجة بحث الصور عن ‪escher museum‬‏

    ...M.C. Escher


     
  • Cyberspace, Primi passi nella raltà virtuale
    Io credo che il lungo percorso storico da una realtà universale, preletteraria, del fare "fisico", verso una realtà del "fare simbolico"
  •  Marturano, A. 2000, Etica dei media: regolare la società dell'informazione, milano: Angeli
    الغلاف الأمامي

    P.36

    per  Maldonado gli oggetti del ciberspazio sono rappresentazioni, e riprendendo l'operazionismo e temi di storia dell'arte, Madonaldo sostiene che e' importante sapere se vi e' una corrispondenza biunivoca totale tra una rappresentazione e la realtà rappresentata. più ragionevole e' cercare di stabilire se la rappresentazione funziona o meno. non di una generica realtà ma piuttosto della nostra percezione della realtà (madonaldo, 1992, P. 19). gli oggetto del ciberspazio,secondo Madonaldo, saranno in ultima analisi rappresentazioni di come noi vediamo la realtà delle utili finzioni, il cui punto importante non e' la fedeltà con gli oggetti rappresentati bensì l'efficacia operativa del ciberoggetto.
    e questo vale anche per la realtà virtuale, possiamo definire lo spazio in termini fenomenologici operazionali, possiamo dire come lo spazio ci appare e a cosa servono oggettivamente lo spazio ed i vari concetti di spazio. nel caso del ciberspazio dobbiamo accontentarci di cominciare con un metodo fenomenologico operazionale piuttosto che tentare di ottenere in laboratorio i fatti oggettivi delle corruzioni spazio-temporale infinitamente sottili della natura (benedikt 1991). allora lo spazio tempo della realtà virtuale in questo caso non sarà un fatto dato una volta per tutte, ma uno strumento che si piega agli scopi dell'uomo: il ciberspazio introdurrà una realtà virtuale come componente funzionale , il progetto del ciberspazio cosa e' se non il progetto di un altro mondo vivente, un universo parallelo (benedikt 91) dove possiamo realizzare cio che noi volgiamo violando a piacimento ogni legge

  • Parametricism and the Autopoiesis of Architecture
    http://www.unsquare.at/wp-content/uploads/2015/09/e_studioHadid_semanticFields_01.jpg
    Parametricism and the Autopoiesis of Architecture:



  • ...dal Bauhaus alla Rivoluzione Informatica
    L’utilizzo di forme dotate di variazioni progressive continue ha condotto erroneamente alcuni critici a ritenere che “architettura parametrica” fosse sinonimo di un nuovo espressionismo e di formalismo quando la sua reale vocazione è di stampo logico-funzionalista, come dimostrano gli stessi metodi generativi strettamente logico-matematici che nella maggior parte dei casi riguardano la risoluzione simultanea di complessi rapporti delle componenti sia strutturali, sia bioclimatiche, costruttive, impiantistiche, ecc
    استخدام أشكال ذات اختلاف تدريجي مستمر أدى إلى الاعتقاد بأن العمارة البارامتروية  تكمن في تعبيرية شكلية  جديدة ، ولكن هذا الاعتقاد ينبع من  جهل لأنها ذات  قالب منطقي-وظيفي، كما يتضح من نفس الأساليب التوليدية المرتبطة بالمنطق-الرياضي الذي في معظم الحالات يتناول حلول متزامنة  لعلاقات معقدة بين عناصر هيكلية، وبيئية وبنائية وصناعية ، الخ.
    3ds max model                                                       … …:
    https://www.pinterest.com/pin/393572454919322263/
----------------
Come possiamo davvero vivere se non vi è più il qui e se tutto è adess? Come possiamo sopravvivere l’istantanea telescopica realtà che è diventata onnipresente, rompendo in due ordini il tempo , troviamo che ciascuno e' reale come l'altro: quella della presenza qui ed ora, e quella di un telepresenza a distanza, oltre l'orizzonte delle apparizioni tangibili?

    Come possiamo gestire razionalmente la scissione, non solo tra le realtà virtuali e reali, ma, più precisamente, tra l'orizzonte apparente e l'orizzonte transapparent di uno schermo che apre per noi improvvisamente una sorta di finestra temporale  per interagire altrove, e spesso molto lontano?

    A meno che, come Marvin Minsky, neghiamo l'importanza di ottica "Analogue" e così dell'orizzonte delle apparenze, ora dobbiamo assolutamente mettere in discussione la natura stereoscopica non solo della rlievo delle apparenze' e della terza dimensione dello spazio, ma soprattutto tutto della quarta dimensione, il rilievo temporale ha portato in questo periodo dalla scissione tra le vicinanze spaziali e temporali, il rilievo  di un futuro mondo sovraesposto  all'amplificazione optoelettronici della sua profondità di campo.
Open sky/ Paul Virilio:
Open sky/ Paul Virilio
Utilizzando delle dimensioni sintetiche dello spazio virtuale, gli archietti creano architettura sintetica, nello stesso modo in cui viene fabbricato un materiale sintetico per eempio l'architettura liquida, come viene descritta da Marcos Novak. e' una Architettura gnerata dal computer, un'architettura guidato dai dati, chesi  trasforma continuamente in funzione dell'interazione con le persone che la abita. i suoi spazi sono definiti da relazioni parametriche, sempre in movimento, aggiusta le sue forme secondo l'esigenze attuali. l'architettura liquida e'  un mondo immersivo che si apre per accogliere le persone e dove la stanza accanto è sempre dove ha bisogno che ci sia. l'architettura liquida crea territori nel cyberspazio sulla base di evoluzione forme concepite matematicamente. quindi è liberata dalle regole della realtà fisica come la geometria euclidea. l'architettura liquida non è un singolo edificio, ma un continuum di edifici, senza intoppi o ritmicamente in evoluzione nello spazio e nel tempo






https://books.google.jo/books?id=tXBdOoZ-faYC&hl=ar&source=gbs_navlinks_s

"using the synthetic dimensions of virtual space, designers create synthetic architecture, in the same way a synthetic material is fabricated. an expression is liquid architecture, as described by Marcos Novak. liquid architecture is a computer generated, data driven architecture, which transform continuously in interaction with the individuals who inhabit ir. its spaces are defined by parametric relations, always in flux, adjusting its form to the current requirements. liquid architecture in an immersive world that opens up to welcome people and where the next room is always where it need to be. liquid architecture creates territories in cyberspace based on evolving mathematical conceived forms. therefore it is cut loose from the rules of physical realty like of euclidean geometries. liquid architecture is not a single edifice but a continuum of edifices, smoothly or rhythmically evolving in both space and time.
--------------------------------

F or a long time architecture was thought of as a solid reality and entity: buildings, objects, matter, place, and a set of geometric relationships. But recently, architects have begun to understand their products as liquid, animating their bodies, hypersurfacing their walls, crossbreeding different locations, experimenting with new geometries. And this is only the beginning

================================== .

ARCHITETTURA E NOMADISMO

di Christophe Pourtois 

============================arc
Come è stato detto in precedenza, non è possibile applicare le nozioni di una sola disciplina per interpretare il significato dell'architettura liquida, in quanto comprende, oltre la filosofia, aspetti dell'architettura digitale e delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione, così come diverse discipline umane Come la ermeneutica e antropologia che tutti insieme potrebbero essere applicati per decifrare il fenomeno / concetto di architettura liquida, i cui confini non sono chiari. È proprio in questi confini poco chiari che avviene il piu importante dialogo e ibridazione tra i due mondi, il reale ed il virtuale.
=============================
liquid architectue - /العمارة السائلة/ architettura liquida* روابط

https://www.google.com/search?q=liquid+architecture+-+/%D8%A7%D9%84%D8%B9%D9%85%D8%A7%D8%B1%D8%A9+%D8%A7%D9%84%D8%B3%D8%A7%D8%A6%D9%84%D8%A9/+architettura+liquide&client=firefox-b&source=lnms&tbm=isch&sa=X&ved=0ahUKEwjfveSaw7jUAhVpKpoKHfpJAYwQ_AUICigB&biw=1366&bih=610#tbm=isch&q=liquid+architecture+-+/%D8%A7%D9%84%D8%B9%D9%85%D8%A7%D8%B1%D8%A9+%D8%A7%D9%84%D8%B3%D8%A7%D8%A6%D9%84%D8%A9/+architettura+liquida
-------------------------------------------------
==========================
NATURA E ARTIFICIO NELL’ERA DIGITALE. RIFLESSIONI SUL PROGETTO CONTEMPORANEO TRA FRATTALI E BIOMIMESI.pdf

Antonio Saggio propone un percorso logico composto  di  formulazioni  e  definizioni  che  chiariscono  le  idee  sull’invisibile mondo delle interconnessioni e  informazioni.
Partiamo dall’elemento più semplice, il “dato”:  chiamo “dato” il minimo elemento di modifica di una  1.  situazione precedente.  I  “dati”  sono  soggetti  a  molteplici  convenzioni.  2.  Per  avere  un  qualunque  significato,  infatti,  il  “dato”  deve  essere  associato  a  una  precisa  convenzione  innescando la “formazione” di un mondo:  “Informazione” è l’applicazione di una convenzione  3.  a  un  “dato”;  pertanto,  in  informatica,  noi  sappiamo  già  in  partenza  entro  quale  sistema  convenzionale  già dato ci muoviamo.  Ecco perché ... in informatica non esistono dati, ma sempre e solo  4.  informazioni. E ancora ... se   in   informatica   non   esistono   dati,   ma   solo  5.  informazioni,    allora    in    informatica    è    tutto  informazione. Quest’ultima formulazione, una cruciale tautologia, tocca  il  centro  del  problema  e  chiarisce  che  l’informazione  è  veramente  in-formazione:  in  costante  dinamismo,  in  divenire nel territorio elettronico. Quindi  per  definizione  l’informatica  è  una  massa  fluida  che deve prendere ancora forma:  6. il prendere forma dell’informazione si definisce        modellazione e si esplica nella creazione di modelli.  Il  modello  è,  pertanto,  la  forma  che  assumono  le  informazioni. In  informatica  esistono  molte  famiglie  di  modelli;  la  più  semplice  è  quella  rappresentata  dal  foglio  elettronico  che lega l’una all’altra le informazioni attraverso formule  matematiche permettendo il costante aggiornamento di  tutti i parametri al variare anche di uno solo di essi. Da tempo, infatti, esistono modelli spaziali e architettonici  che legano dinamicamente le informazioni geometriche,  spaziali, costruttive e anche prestazionali di un progetto,  in modo tale che, al variare di una dimensione, è possibile  verificare a cascata che cosa accade a tutte le altre 1.1 16 TRE RIVOLUZIONI  informazioni interconnesse nel sistema progetto.  Il  centro  della  rivoluzione  informatica,  dunque,  non  è  costituito  tanto  dalle  informazioni,  dal  loro  immenso  numero  o  dalla  perenne  mutevolezza,  quanto  dalla  capacità  degli  atomi  informativi  d’essere  interconnessi,  interrelati per formare appunto una rete e un sistema. Nell’arco  di  quattro  secoli,  come  si  è  potuto  evincere,  si sono susseguiti numerosi e stravolgenti cambiamenti  che  hanno  coinvolto  e  progressivamente  influenzato  tutti  i  settori  e  gli  ambiti,  creando  nuove  discipline  e  materie  di  indagine.  Il  percorso  che  va  dal  vapore  al  petrolio,  dall’industria  manifatturiera  a  quella  informatica,  dal treno all’aereo, dalla stampa ad internet ha portato,  oltre  alle  note  e  condivise  conseguenze  e  vantaggi,  delle grandiose novità in termini di velocità e dimensione  spazio-temporale.  Il  concetto  di  velocità  interessa  non  solo  il  settore  dei  trasporti,  ma  anche  il  modo  della  produzione  e  della  comunicazione:    sono  oramai  diffusissimi  e  comuni  i  macchinari  che  producono  centinaia  e  centinaia  di  componenti  o  prodotti  al  minuto;  ogni  giorno,  grazie  alle e-mail o ai programmi di video chiamata è possibile  comunicare  in  tempo  reale;    i  treni  che  raggiungono  i  300 km orari sono diventati i protagonisti del settore dei  trasporti contemporaneo.  Il concetto di dimensione è una diretta conseguenza della  velocità. Grazie alla diminuzione dei tempi di percorrenza,  alla  rapidità  di  movimento  delle  informazioni  via  etere  e  alla  straordinaria  invenzione  di  internet,  le  distanze  sono state abbattute perchè ogni posto del mondo (e  dello spazio) è diventato raggiungibile in breve tempo e  con grande comodità. I comuni parametri del “vicino” o  “lontano” hanno cambiato la loro scala e la dimensione  spazio-temporale  non  risulta  più  un  problema  o  una  barriera